Cerca nel blog

domenica 13 febbraio 2011

CASO SCHEPP: IL TESTO DELLA LETTERA INEDITA

"Senza l’affidamento congiunto non ce la faccio!!  
 
Sono già completamente pazzo, malato, allo stremo, distrutto! Aiuto!! Non ne posso più, non ce la faccio più! Invece di un dialogo ragionevole, ho ricevuto come risposta questi avvocati di merda. Tutti volevano aiutarmi, soltanto tu no! Mia moglie! Non hai avuto tempo neanche una volta per parlare, e… venire a Neuchatel era uno sforzo troppo grande per te, ed è stato per questo che sono andato fuori di testa! Ora non voglio più nessun aiuto, è troppo tardi. Ti ho sempre amata!!!!!!
Tutto ciò che volevo era una famiglia! Perdere te è stata già abbastanza dura, ma poi anche le bambine era troppo.

Presumibilmente sono malato, ma non so di che cosa…. Ciao per sempre! Non ne posso più! Mi dispiace enormemente, ma non c’è più nulla da fare. 
" 
Matthias 

Esclusiva Tgcom: la lettera di Matthias

Una lettera inedita scritta il 31 gennaio da Matthias Schepp alla moglie Irina. Del testo ne è venuto in possesso Remo Croci, giornalista di News Mediaset, e Tgcom ne anticipa il contenuto integrale in esclusiva. La missiva è stata scritta in francese. Matthias sfoga rabbia e delusione per il mancato affidamento congiunto di Alessia e Livia, incolpando la moglie stessa di non aver voluto incontrarlo per discutere.


[Fonte http://www.tgcom.mediaset.it/cronaca/articoli/articolo503052.shtml]

2 commenti:

  1. ..ancora una volta..i figli..pagano per la separazione dei genitori.che tristezza infinita,non più genitori insieme e negata anche una vita per poter far meglio un giorno.sei stato un padre bastardo ed egoista,o anche tue o di nessuno?ti sei ammazzato,ma dovevi farlo prima di toccare quelle due piccole innocenti,pazzo psicopatico!!

    RispondiElimina
  2. Forse bisognava pensarci prima! Concedere l'affido esclusivo dei figli ad un genitore porta inevitabilmente ad escludere l'altro. Un genitore (padre o madre che sia) escluso E' PERICOLOSISSIMO. Per sé e per gli altri. Vogliamo ancora continuare su questa strada che sappiamo SBAGLIATA e INGIUSTA?

    RispondiElimina