Cerca nel blog

sabato 19 marzo 2011

Studente violentato dopo una festa

Studente in stage a Milano: ricordo di aver bevuto troppo, mi sono svegliato senza vestiti. «Vivo nel terrore dell'Aids» 

Il ragazzo è stato visitato alla Mangiagalli dove sono stati confermati abusi plurimi. La scorsa settimana un altro caso di stupro su un diciottenne 


La vista annebbiata, e non soltanto per lo sterminato labirinto di stanze in quella casa da ricchissimi. Ha bevuto, un po' troppo, alla festa tra universitari. Fino ad addormentarsi. E quando s'è svegliato, stava lì, «nudo, dolorante, steso sul pavimento». Scomparsi i vestiti, ha preso i primi che ha trovato in un armadio, è andato al pronto soccorso, che l'ha dirottato alla clinica Mangiagalli. Perché, hanno constatato i dottori, «le escoriazioni, gli ematomi e le profonde lacerazioni erano segni di una violenza sessuale». Di gruppo, con larga probabilità. Di certo brutale. Vittima, un 24enne, studente al Dams di Bologna, a Milano per uno stage e convinto da un'amica ad andare alla festa.

Il ragazzo non ha saputo dar risposte ai medici su cosa nei dettagli fosse successo («Non mi ricordo, davvero») e ha domandato, a lungo, con insistenza, mano a mano con voce più disperata, angoscia, attesa: «E se mi avessero attaccato l'Aids?».

Le seguenti visite, peraltro di profilassi, hanno scongiurato il contagio. Il ragazzo s'è tranquillizzato, e allora han provato di nuovo: «Su, raccontaci i fatti». E di nuovo è stato il silenzio: «Non mi ricordo, davvero». Il vuoto. Eccetto poche, scarne coordinate. L'amica, la casa, le stanze e quella stanza in particolare. L'amica: «Mi ha chiamato sul cellulare nel pomeriggio, mi dice "Dai che stasera andiamo a divertici da conoscenti, non mi tirare bidone". Ero libero, non avevo impegni, così accetto, ci diamo appuntamento in via Torino, vicino al cinema.

Ci troviamo, parcheggiamo i motorini e andiamo a piedi verso l'abitazione». La casa, appunto: «Quadri dappertutto. Arredamenti di pregio. Tappeti orientali. E le stanze». Ecco, le stanze. Una dopo l'altra, una fianco all'altra. «Finisco in una camera, sono con un gruppo di ragazzi, ci rilassiamo, parliamo, e beviamo, beviamo... ». Stop.

La memoria s'offusca. Fotogrammi seguenti, in rapida frequenza: il risveglio, il corpo nudo, il dolore, lo smarrimento, e poi la corsa all'ospedale, dopo aver chiamato un taxi, e il pronto soccorso, e la clinica Mangiagalli». Alla Mangiagal-li, completate le medicazioni, gli chiedono: scusa, e l'amica? Lui la chiama al telefonino, lei dice semplicemente che a un certo punto s'era stancata e se n'era andata. Insiste, il 24enne: «Perché non mi hai chiamato? ». Replica: «Non ti trovavo». Ah già: lo sterminato labirinto di stanze...
Giovedì scorso erano finiti arrestati due egiziani clandestini: l'accusa racconta di uno stupro ai danni di uno studente 18enne, al Parco Lambro.

Dalla squadra mobile della Questura, che s'è occupata della vicenda, avevano detto in fase di commento: «È il primo caso in assoluto che trattiamo». Ha detto Alessandra Kustermann, del centro Antiviolenze della clinica Mangiagalli: «In undici anni, abbiamo trattato 104 casi di violenze sessuali ai danni di uomini, il 68 per cento dei quali maggiorenni». «Ma si sa», ha aggiunto la Kustermann, «l'uomo spesso ha grandi difficoltà a denunciare questo tipo di violenza».


[Fonte http://www.corriere.it/cronache/07_ottobre_24/violentato.shtml]

 

 

Nessun commento:

Posta un commento