Cerca nel blog

venerdì 17 giugno 2011

La Cassazione e le sentenze basate su presupposti falsi - di Adriana Tisselli

Questa mia riflessione nasce dalla pura logica poichè, lo premetto, non ho alcuna formazione giuridica (se non a livello di interesse personale). Ieri mi arriva una sentenza della Cassazione che recita così:

Adriana Tisselli (prima a destra)
"In mancanza di diverse disposizioni, la somma fissa mensile versata per il mantenimento per i figli al genitore collocatario, non costituisce un mero rimborso delle spese sostenute dal collocatario nel mese corrispondente, bensì la rata mensile di un assegno annuale, determinato tenendo conto di ogni altra circostanza emergente dal contesto e in funzione delle esigenze della prole rapportate all'anno, con la conseguenza che, il genitore non collocatario, non può ritenersi esonerato dall'obbligo di corresponsione dell'assegno per il tempo, in cui i figli, in relazione alle modalità di esercizio del diritto di visita disposte dal giudice o concordate tra le parti, si trovino presso di lui ed egli pertanto provveda in via esclusiva al loro mantenimento".

Mie osservazioni: 

1) la Cassazione emette una sentenza partendo da un presupposto falso e cioè quello che prevede "il genitore collocatario" CHE NELLA LEGGE NON ESISTE!!! Mi pare che il genitore o è affidatario = ergo ci troviamo in regime di affido esclusivo oppure non è niente.... perchè NON ESISTE il genitore collocatario in quanto trattasi di UN'INVENZIONE DEI GIUDICI!!! Inoltre ribadisce l'esistenza dell'assegno di mantenimento vanificando il principio del mantenimento diretto (compiti di CURA di ENTRAMBI i genitori) e rendendo di nuovo i bambini ORFANI di un genitore (quello non collocatario)

2) la Cassazione sta andando contro una legge dello Stato? Sta trasformandio la cosiddetta prassi una legge "parallela" alla legge del Parlamento? Mi chiedo va contro la COSTITUZIONE, questo??? Rivolgo la domanda a voi esperti, perchè a me sembra una sentenza gravissima e non ritengo che debba ASSOLUTAMENTE passare sotto silenzio.
 
Adriana Tisselli - Movimento Femminile per la Parità Genitoriale

Fonte: adiantum.it

Nessun commento:

Posta un commento